Il giorno dopo le clamorose dimissioni da tecnico della Fiat Torino, tiene ancora banco il caso Recalcati. L’ex c.t. della nazionale ha lasciato la squadra dopo essere subentrato a Banchi venti giorni fa.

Tre settimane in cui ha collezionato una vittoria in Eurocup e cinque k.o. di fila tra campionato ed Europa. Situazione resa ancora più complicata da una dirigenza complicata da tenere lontano dalle scelte tecniche, ma impossibile da gestire per un atteggiamento in squadra che Recalcati ha reputato inaccettabile: “C’è un diffuso egoismo in squadra, non c’è invece spirito di sacrificio. Mi ero dato un tempo per uscire da quella difficile situazione, il gruppo però non mi ha mai dato un segnale in questo senso. Lascio a Galbiati una patata bollente anche se lui ora non ha nulla da perdere”.