Calcio

“Consigliato da Buffon”

Adrien Rabiot è un nuovo giocatore della Juventus: arrivato a parametro zero dal PSG, dove ha condiviso l’ultimo anno con l’ex bianconero Gigi Buffon, il centrocampista francese sente di aver fatto un salto di qualità. Il giovane è pronto a dire la sua nel calcio italiano. “Nella stagione passata ho parlato molto con Gigi e mi ha dato molti consigli, parlandomi molto della Juve. Conosce benissimo la squadra e il club ed era la persona migliore con cui parlarne. La sua opinione ha contato tantissimo per me. A livello personale ho avuto un ottimo rapporto con Buffon e ha avuto un ruolo nella mia decisione”, ha rivelato Rabiot nel corso della conferenza stampa di presentazione.

Sono stato per sette anni a Parigi. È la prima volta che giocherò fuori dal mio Paese, ma la mia voglia e la mia determinazione è la stessa. Sono in Serie A con la Juve, ma non cambia nulla. Metterò lo stesso impegno e determinazione. Lavorerò duro per aiutare il club”, ha aggiunto Rabiot, che non ha ancora parlato né con Ramsey, che ha incrociato durante le visite mediche, né col mister Sarri. Il centrocampista avrà la maglia numero 25, con la quale ambisce a conquistare non solo la Champions con la Juve, ma anche la Nazionale francese. Rispetto al PSG, le possibilità di un’affermazione in campo internazionale sono maggiori.

D’altronde, la benedizione di Buffon riguardava anche questo aspetto. “Mi ha detto un sacco di cose interessanti, soprattutto che se volevo andare oltre nella mia carriera e fare uno scatto in avanti sicuramente il modo migliore per farlo era scegliere la Juve. Ho preso molto sul serio questo consiglio perché Gigi ha grande esperienza. Ci sono molte ragioni per cui ho scelto la Juve, ma i consigli di Buffon mi han fatto riflettere”. I due ex compagni sembrano destinati a ritrovarsi molto presto. L’estremo difensore è pronto per tornare alla Juventus con un ruolo da comprimario, alle spalle di Szczesny. Sarebbe l’ennesimo acquisto a parametro a zero messo a segno dalla “Vecchia Signora” negli ultimi anni.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top