Calcio

Mancini pronto a cambiare

mancini

L’Italia di Mancini è pronta a sfidare la Finlandia lungo la strada per Euro 2020. “Sarà una gara molto difficile, ma siamo venuti qui per vincere. La partita sarà tosta, questa gara per ora è sicuramente la più difficile. La Finlandia sta meritando il secondo posto e possono qualificarsi”, ha spiegato il ct azzurro alla vigilia del match.

Previsti cambi nella formazione. “Sicuramente ne faremo. Pellegrini ha possibilità di giocare più in mezzo che in avanti. Dobbiamo valutare la stanchezza. Vediamo come stanno Belotti, Chiesa e Bernardeschi. Siamo all’inizio della stagione, giocare due partite e affrontare due viaggi così è abbastanza pesante”, ha aggiunto il mister. Gli avversari non vanno sottovalutati. “Anche loro hanno giocatori che stanno giocando da un po’ e la condizione fisica è migliore. Non hanno mai subito gol qui. Sono una squadra quadrata e compatta. È una gara molto difficile, ma siamo venuti qui per vincere. La partita sarà tosta. Questa gara per ora è sicuramente la più difficile, arriva in un momento solitamente delicato per la Nazionale perché siamo all’inizio. La Finlandia sta facendo benissimo nel gruppo, stanno meritando il secondo posto e possono qualificarsi”.

La nuova coppia di centrali composta da Bonucci e Romagnoli non sembra aver deluso. “Potrebbero giocare con qualsiasi sistema, non è un problema la difesa. Quando si gioca ogni tanto, dopo tanti mesi, ci possono essere errori di posizione, è prevedibile. Loro sono bravi, è solo una questione di stare più insieme. Abbiamo concesso poco, un paio di contropiedi, ci stanno. Se vuoi attaccare devi farlo. Chiellini è esperto, è un trascinatore. Romagnoli è più giovane, ha tempo”, ha spiegato il ct. Considerando l’indisponibilità di Verratti, sarà Sensi a trovare spazio sin dal primo minuto nel centrocampo comandato da Barella e Jorginho. C’è molta curiosità sul possibile impiego di El Shaarawy, che sembrava essere finito fuori dal giro della Nazionale. A scalpitare è anche Ciro Immobile, che non ha ancora trovato il feeling con Mancini.

To Top