Calcio

Mazzarri ammette gli errori

La sconfitta col Lecce ha lasciato il segno in casa Torino e soprattutto a Walter Mazzarri, probabilmente convinto di vincere. I granata hanno iniziato bene il campionato smaltendo la delusione dell’eliminazione in Europa, ma ha perso in casa. “Chiedo scusa ai tifosi. Sono stati eccezionali, nonostante la prestazione negativa. Ci hanno aiutati, ma oggi abbiamo sbagliato quasi tutto. Forse anche in settimana, con i nazionali arrivati all’ultimo da ogni parte del mondo. Ma questo è successo a tutti..”, ha detto il mister dopo l’1-2 ottenuto dal Lecce alla fine della terza giornata di Serie A.

“Andavamo troppo piano eravamo troppo svagati e sottotono. Ho sbagliato io. Non sono riuscito a far capire loro che il Lecce è una squadra che corre. Almeno tre o quattro giocatori non erano loro. Ma la colpa è mia, li ho scelti io. Se fai girare la palla lentamente, non prendi iniziative e quando devi puntare torni indietro, vuol dire che non hai lucidità. Questa squadra ha esperienza, bastava concentrarsi su quello che abbiamo fatto quasi sempre. Il primo gol l’abbiamo preso in una maniera che non esiste. Il Var non lo commento. Non mi interessa. Io guardo la prestazione e sono molto deluso. Il Lecce poteva farci anche uno o due goal in più. Questo non è il modo di stare in campo delle mie squadre”, ha ammesso Mazzarri.

A nulla è servito l’ingresso in campo di Verdi, l’acquisto più costoso della storia del Torino. L’esterno ha giocato una ventina di minuti dimostrando di non possedere ancora la condizione fisica ottimale, ma pennellando sulla testa di Bonifazi il pallone della contesa sul presunto rigore finale. In attesa del rientro di Iago Falque, il “Toro” deve ritrovare se stesso.

To Top