Calcio

Conte già insoddisfatto

conte

La nuova Inter di Antonio Conte ha esordito in Champions League, ma la prima non è stata positiva come quella storica dell’anno scorso. A 12 mesi di distanza dall’impresa col Tottenham, i nerazzurri hanno rischiato infatti di cadere sotto ai colpi dello Slavia Praga. “Sulla carta le partite sono tutte da vincere ma poi le squadre vanno affrontate e lo Slavia si è dimostrato superiore in questa gara”, ha detto il tecnico ai microfoni dell’UEFA. Non lo si può nascondere: ci si aspettava molto di più. Adesso il cammino nel girone si complica per via di quella che era considerata la squadra più debole dello stesso.

“Dobbiamo fare i complimenti a loro, sappiamo che abbiamo tanto da lavorare e da crescere. Prendiamo questo pareggio ma non è stata una buona partita. Non abbiamo fatto niente di quello che vogliamo imporre. Mi devo assumere la responsabilità di questo e cercare di migliorare e far crescere i giocatori sotto l’aspetto tecnico-tattico e per mentalità quando si affrontano questi tipi di partite”, ha aggiunto il mister a fine partita. Di tempo per recriminare, però, ce n’è poco. C’è un derby alle porte, con un primato in campionato da difendere.

I nerazzurri dovrebbero schierare D’Ambrosio e Politano dal primo minuto. Entrambi hanno una gran voglia di confermarsi anche perché sono nel giro della Nazionale e possono ambire seriamente all’Europeo. Sensi potrebbe conoscere l’esplosione definitiva, così come Lukaku. I nuovi acquisti non stanno affatto deludendo e la stracittadina può essere l’occasione migliore per conquistare i tifosi e allontanare il ricordo della cattiva prestazione in Champions.

To Top