Calcio

Mancini verso la Grecia

mancini

L’Italia di Roberto Mancini è pronta per affrontare la Grecia e strappare il pass anticipato ai prossimi Europei. Ormai manca davvero poco. Gli azzurri, che all’Olimpico sfoggeranno la nuova maglia verde, sono imbattuti nel girone. “Dobbiamo passare lo scoglio della Grecia e non sarà semplice. Vogliamo andare a Euro 2020, fare bene e arrivare fino in fondo perché manca da tempo nella bacheca dell’Italia. Questo è l’obiettivo primario. Poi il Mondiale”, ha spiegato il ct alla vigilia. Anche la formazione è fatta, l’unico dubbio è tra Bernardeschi e Barella a centrocampo. Immobile sarà titolare nello stadio in cui da anni fa faville con la Lazio.

“La Grecia ha cambiato allenatore e non sappiamo come giocherà, ma per noi non dovrà cambiare niente: dobbiamo vincere questa partita per noi molto importante. Quando presi la Nazionale non sapevo cosa potesse accadere di lì a quindici mesi. Era importante fare in fretta, conoscere i giocatori. Non siamo stati in difficoltà quando abbiamo perso, tra campioni del Mondo e campioni d’Europa. Nonostante il pareggio contro la Polonia, la squadra aveva giocato un calcio diverso dal primo. In Portogallo avevamo cambiato undici giocatori, dalle gare dopo siamo andati sempre migliorando. Sono stati bravi i ragazzi”, ha aggiunto Mancini.

Qualche parola anche su casi specifici. “Il rosso a Kean?  Mi dispiace perché c’è sempre lui di mezzo. E’ stato sfortunato ma deve fare più attenzione. Vialli con noi? Non so cosa accadrà. Mi fa molto piacere che il presidente abbia avuto questa idea per Luca. Ormai è un ragazzo maturo, credo possa aiutarci”.

To Top