Calcio

La Fatal Verona di Balotelli

Balotelli alla Juve in estate

Nuovo episodio di razzismo ai danni di Mario Balotelli. L’attaccante del Brescia ha scagliato via il pallone nel secondo tempo del match odierno contro il Verona. Il match è stato interrotto per 4 minuti dall’arbitro Mariani a causa di alcuni cori razzisti rivolti al giocatore. “Supermario” è stato abbracciato dunque da compagni e avversari prima che il gioco riprendesse dopo l’annuncio dello speaker. A fine gara l’allenatore del Verona, Juric, ha però minimizzato l’accaduto. “Oggi non c’era nessun ululato razzista, grandi fischi, sfottò, nei confronti di un grande giocatore e nient’altro”.

“Altre volte mi sono sentito dire ‘zingaro di merda’, ma oggi niente. Chiedete a Balotelli quello che ha sentito lui per reagire così”, ha aggiunto il tecnico. “Non ho alcun problema a denunciare cori, se ci sono, anche se a farli sono i nostri tifosi. Sono cose che non si possono accettare nel 2019. Ma oggi non c’è stato proprio niente”, ha dichiarato il mister ai microfoni di Sky.

Persino Maurizio Setti, presidente dell’Hellas Verona, ha negato solidarietà all’avversario. “Il gesto di Balotelli ha più rilievo. Con un altro si sarebbe ripreso a giocare dopo un minuto. Allo stadio non abbiamo sentito nulla. Il razzismo tra i tifosi veronesi non esiste. Non possiamo gestire 20mila persone. Il nostro pubblico è ironico, non è razzista. Dobbiamo individuare i singoli. La soluzione è radiarli dal calcio”. Già qualche anno fa “Supermario” aveva avuto qualche problema con gli spettatori veronesi, dopo un Chievo-Inter del 2010, dicendo a fine gara che il pubblico di Verona gli facesse “sempre più schifo”.

To Top