Calcio

Spalletti-Inter: è scontro

spalletti

Luciano Spalletti torna a parlare. Il tecnico, attualmente senza panchina ma sotto contratto con l’Inter, si è tolto qualche sassolino dalla scarpa. “Io non sono stato contattato dal Napoli. Sono stato contattato dal Milan, come sapete dopo poco che ero stato esonerato. Poi è stato deciso di pagarmi rimanendo a casa e sono rimasto a casa”, ha detto a margine degli Italian Sport Awards a Castellammare di Stabia.

“Ci sono stati dei ragionamenti e poi il finale è stato questo qui. Si prende atto delle conclusioni a cui si è arrivati. Se sono pronto per un’altra esperienza? Fosse stato per me io non avrei smesso. Ora è facile guardare al futuro. Quello di cui ho bisogno è un’altra sfida come quelle con Zenit, Roma e Inter. In pratica dove ci si doveva rimboccare le maniche per riuscire a risolvere situazioni complicate. Lo scorso anno è stato particolarmente intenso, una stagione per certi versi complicata. Forse per questo che la classifica alla fine ha avuto anche più valore con il raggiungimento della Champions”, ha aggiunto il tecnico di Certaldo.

L’Inter ha risposto subito pubblicamente al mister. “Oltre al compenso maturato dal Signor Spalletti la Società aveva proposto un’ulteriore offerta economica come incentivo all’esodo, che non è stata accolta dall’allenatore”, la replica del club nerazzurro affidata all’Ansa. Il contratto con i nerazzurri è fino al 2021 a 4,5 milioni di Euro netti all’anno. L’Inter offrì un milione di euro di buonuscita a Spalletti, in pratica il pagamento degli stipendi sino a fine 2019 (il Milan contattò il tecnico ad ottobre, subito dopo l’esonero di Giampaolo). Il tecnico voleva l’intero pagamento della stagione, sino a giugno 2020, una provocazione secondo la proprietà interista che quindi bloccò le trattative per la risoluzione del contratto.

To Top