Calcio

“Il Napoli ha possibilità con il Barça”

Zielinski: "Il Napoli non era all'altezza degli standard"

A Napoli sono tutti in grande attesa del big match di Champions con il Barcellona. La gara di andata degli ottavi di Champions si disputerà proprio al San Paolo, il prossimo 25 febbraio. Per parlare dell’incontro, sulle frequenze di Radio Punto Nuovo è intervenuto l’ex direttore sportivo del Barça Ariedo Braida, che ha commentato anche il momento attuale del Napoli. “Gattuso è un uomo tutto d’un pezzo, ha grinta e determinazione che lo contraddistinguono. Come calciatore ha fatto cose bellissime e come allenatore sta provando a porsi all’attenzione del calcio italiano. Il Napoli ha un direttore sportivo bravissimo, è un’ottima squadra con un bravissimo presidente e Giuntoli è davvero bravo, ma non hanno bisogno di me. Certo se un giorno qualcuno dovesse aver bisogno di me, non dirò di no”.

“Giusto il pugno duro di Gattuso? Bisogna premiare la serietà, l’impegno, la stima di tutta la squadra arriva anche attraverso questi episodi. Se l’allenatore ritiene che un giocatore non si stia impegnando, è giusto prendere provvedimenti. Rino è un ragazzo che ha le qualità per fare questo, se l’ha fatto è perché pensa che la squadra possa trarre benefici. (…) Possibilità per il Napoli? Sono convinto di sì, soprattutto in casa. Quando giocheranno al Camp Nou sarà molto complicato. Difficilmente il Barcellona perde. Migliore del mio vivaio? Maradona campionissimo, Messi un fenomeno, sono giocatori straordinario che si contano in una o due mani, ne esistono pochi. Messi o Maradona? Diciamo che sono due fenomeni, sono la delizia e la magia del calcio”, ha aggiunto Braida.

Qualche battuta anche su altri argomenti d’attualità, come i presunti dissidi tra Messi e il club blaugrana. “Ancelotti? Ha sempre vinto. L’anno scorso ha fatto un’annata molto buona. Se Messi lascia il Barcellona? Secondo me a Barcellona sta non bene, benissimo. Pertanto sarà difficile vederlo via dalla squadra. Rinnovo di contratto a Gattuso? Chiederò a Giuntoli”.

To Top