Calcio

Champions League, Guardiola sbotta

champions league

Il Manchester City di Pep Guardiola non accetta di rimanere fuori dalla Champions League. “Non possiamo cambiare la resta delle persone, né quello che pensano, però so come lavora il club e sono orgoglioso di quello che facciamo tutti assieme. Abbiamo costruito tutto giorno dopo giorno, senza l’aiuto di qualcuno. Adesso presenteremo l’appello e vedremo come va a finire, di certo non è ancora detta l’ultima parola“. Così Josep Guardiola, parlando in conferenza stampa alla vigilia della sfida di Premier in trasferta contro il Leicester, affronta il tema dell’esclusione per due anni dalle coppe europee inflitta dall’Uefa al Manchester City.

Nel frattempo, gli inglesi si apprestano a recuperare qualche pezzo pregiato dell’importante collezione. “David Silva, Sterling e Sané sono pronti per rientrare, anche se ancora non al 100 per cento – ammette il ‘Pep’ – Il Leicester? È una squadra molto organizzata, che mi impressiona. È bello vederli giocare assieme ed è bello che nel calcio inglese ci siano dei tecnici come Rodgers”. Lo riporta l’Ansa.

Molti altri club europei iniziano a tremare. Si parla anche di prossime indagini su plusvalenze fittizie. Insomma, il fair play finanziario, che è stato visto spesso solo come uno spauracchio, oggi inizia a mietere le prime vittime. In tanti addetti ai lavori sperano che alla fine il City riesca a farla franca per non perdere parte dello spettacolo del calcio europeo. Altri, invece, invocano la conferma dell’esclusione per non far perdere di credibilità al rispetto delle regole. Diverse società che sono attente ai conti potrebbero vedere finalmente ripagata la loro oculatezza.

To Top