Calcio

Serie A: rinvio della 26ª giornata?

prima giornata serie a

La Serie A potrebbe fermarsi del tutto a causa del Coronavirus. Dopo il rinvio di quattro partite della 25ª giornata, il premier Conte ha ipotizzato che tutto il prossimo turno non si giochi per contenere l’emergenza. “Non credo che in una sola settimana potremo rallentare il contagio tanto da permetterci di riprendere le manifestazioni sportivi. Per la prossima settimana valuteremo un rinvio di tutti i match”, ha dichiarato il Presidente del Consiglio.

Ospite di “Non è l’Arena”, Conte ha parlato dell’eventualità. “Monitoreremo costantemente la situazione del contagio del virus, grazie al lavoro di tecnici ed esperti, e poi valuteremo”. La situazione è molto delicata e la salute della popolazione ha la priorità. Una decisione del genere, però, avrebbe un grosso peso sulla corsa allo scudetto visto che si tratterebbe di rinviare, tra le altre gare, anche Juventus-Inter. Udinese-Fiorentina, di fatto, è già da considerare rinviata. La regione Friuli-Venezia Giulia, infatti, ha emanato una delibera che sospende manifestazioni pubbliche di qualsiasi natura fino al primo marzo. Inter-Ludogorets di Europa League si giocherà a porte chiuse, pertanto sarà valutata anche la possibilità di giocare in maniera analoga anche il campionato. Una soluzione che porterebbe a perdite ingenti, però.

Con un calendario tanto fitto è difficile trovare date disponibili per i recuperi, anche perché ci sono ancora squadre impegnate nelle competizione europee. Come se non bastasse, il campionato era stato programmato in modo tale che lo stadio Olimpico fosse lasciato libero nell’ultima giornata. Gli Europei 2020 sono alle porte e né Roma né Lazio dovranno giocare nel loro stadio a ridosso della manifestazione continentale. Lazio-Bologna (sabato 29 alle ore 15), Napoli-Torino (alle 20:45), Milan-Genoa (domenica 1 marzo alle ore 12.30), Lecce-Atalanta, Sassuolo-Brescia, Parma-Spal (alle 15), Cagliari-Roma (alle 18), Juventus-Inter (alle 20.45) e Sampdoria-Verona (lunedì 2 marzo alle ore 20.45), intanto, sono a rischio.

To Top