Calcio

Van Basten e il passato del Napoli…

Zielinski: "Il Napoli non era all'altezza degli standard"

Accusa importante, quella che giunge da parte dell’ex stella del Milan Marco van Basten, che ai microfoni di “Sette”, inserto del Corriere della Sera, ha parlato della corsa allo scudetto dell’annata 1989/1990 che vide il Napoli ottenere il secondo tricolore della loro storia. Una polemica che si preannuncia destinata a far discutere a lungo.

“Se sono convinto che ci rubarono quello scudetto? Lo sanno tutti che fu così. Ma nessuno ha mai avuto il coraggio di dirlo. Prima la sceneggiata di Bergamo, con la moneta in testa ad Alemao e il massaggiatore del Napoli che gli dice di simulare un trauma. Poi la nostra sconfitta a Verona. Un’imboscata, con un arbitro come Lo Bello che fece di tutto per farci perdere e fischiò in maniera scandalosa. Un lavoro fatto bene. Da chi? Dal sistema del calcio italiano. Da chi aveva interesse a mandare due squadre in Coppa dei Campioni. Tutti sapevamo che eravamo favoriti per rivincere, aggiungere un’altra squadra conveniva a tutti. Fu una vera porcheria. Ancora oggi mi brucia”, ha detto l’olandese.

L’ex arbitro Lo Bello ha risposto a queste accuse ai microfoni di Radio Kiss Kiss, durante la trasmissione “Radio Goal”: “Non ho nessun rammarico, probabilmente Van Basten non è una persona felice, ma sto pensando a qualche azione legale. Lo sport insegna che dopo una partita, dopo aver sbollito la rabbia e le esasperazioni, i contendenti si stringono la mano perché fanno parte tutti di una componente, quella che il pubblico ama vedere, che ha tifosi ma anche interessi economici”. 

To Top