Calcio

Serie A, si ricomincia il 9 maggio?

prima giornata serie a

I 20 club della Serie A hanno discusso oggi nel corso di una conference call le misure da adottare per fronteggiare l’emergenza del Coronavirus. Bisogna arrivare in un modo o nell’altro alla conclusione del campionato di calcio. Le società hanno fissato la data del 9 maggio come limite ultimo per riprendere a giocare così da completare le giornate mancanti in calendario, spostando quindi la chiusura oltre il 30 giugno. A quel punto, bisognerebbe spostare le scadenze dei contratti a metà luglio, con una deroga alle norme delle regole Noif. La volontà unanime è quella di terminare il campionato regolarmente, senza playoff o artifizi vari per emanare i verdetti.

Le società torneranno a parlare tra loro dopo il vertice UEFA in programma domani. In ogni caso, durante la riunione non è stato preso in considerazione uno stop definitivo del campionato. Totale sintonia, invece, con la posizione della FIGC nel chiedere un rinvio degli Europei. Nel corso dei prossimi giorni, come rende noto la Lega, “prenderanno il via i tavoli di lavoro, costituiti la scorsa settimana, che riguarderanno tematiche mediche, tecnico-sportive, di rapporti istituzionali e di risk assessment per le Società e per la stessa Lega Serie A“.

Per la UEFA, comunque, tutti questi problemi non esistono. La concessione del titolo alla squadra capolista al momento della sospensione del campionato rappresenta un’ipotesi accettabile. In quel caso anche le graduatorie per la qualificazione alle coppe europee sarebbero da considerare in base al momento dello stop ai vari campionati. Tutte le federazioni conoscerebbero quindi lo stesso destino. Già nel 1999 il Partizan Belgrado vinse il campionato serbo nonostante il torneo fosse stato sospeso a 10 giorni dalla fine a causa dello scoppio della guerra dei Balcani.

To Top