Calcio

Cahill vs Sarri: “Difficile il rispetto”

I trasferimenti del Napoli dipendono dallo status di Sarri

Maurizio Sarri continua a incontrare molte difficoltà a farsi amare dalle tifoserie delle squadre che allena. La sua gestione al Chelsea del 2018 ha fruttato un’Europa League e un terzo posto in Premier League, ma molti giocatori sono rimasti scontenti, come David Luiz e il capitano Gary Cahill. Proprio quest’ultimo, oggi al Crystal Palace, ha parlato dell’attuale mister della Juventus al Daily Mail. “A metà stagione la mia relazione con Sarri era già finita, difficile avere rispetto per alcune delle sue scelte”.

“Sono rientrato in squadra dopo per via dei Mondiali e ho perso alcuni dei consigli in pre-stagione ma lui era molto interessato alle sue tattiche, forse troppo. Sapevo che giocando 4-5 partite di fila avrei ritrovato certezze e condizione ma non ho mai avuto possibilità”. Solo complimenti invece per Antonio Conte, che aveva allenato i “Blues” nelle due stagioni precedenti vincendo anche una Premier League. “Un grande allenatore, come Mourinho era molto attento ai dettagli. Arroganza ma in senso buono, si tratta di fiducia. Se non sapevi a memoria cosa dovevi fare in campo non giocavi”.

Oggi Conte e Sarri sono diretti rivali in Serie A, ma alla Juventus c’è già stato chi ha criticato fortemente il calcio del tecnico toscano. Riprodurre lo spettacolo mostrato a Napoli, d’altronde, è apparso difficile già in Inghilterra. Il campionato italiano si è fermato, ma la vittoria dello scudetto da parte dei bianconeri era tutt’altro che scontata. La Juve aveva anche perso la Supercoppa Italiana di dicembre contro la Lazio. Insomma, finora non si può certo dire che Sarri abbia brillato.

To Top