Calcio

Serie A, tutto entro il 3 agosto

prima giornata serie a

La Serie A aspetta di ripartire. Il presidente dell’AIC Damiano Tommasi ha parlato ai microfoni di Rai News soffermandosi sulla possibile ripresa dei campionati con l’ipotesi di riprendere alla fine di maggio. Ancora oggi è molto difficile definire le date precise per il prosieguo del campionato. C’è almeno un’idea per favorire la conclusione delle partite rimaste e il completamento del calendario.

“Credo sia più facile dire non prima del… Come hanno già deciso in altri paesi. La notizia di ieri della UEFA di provare a chiudere entro il 3 agosto ci dà un limite temporale. Il tema è questo: se abbiamo tempo di chiudere i campionati, è ovvio che tutti vorremmo farlo. Ma il processo decisionale oggi parte dalla comunità scientifica e speriamo ci siano le condizioni per ripartire per chiudere prima del 3 agosto, così come chiesto dall’UEFA. Con la Lega Pro abbiamo provato una soluzione collettiva per gli stipendi. Con la Lega Serie A non siamo entrati nei dettagli, anche perché le prime scadenze sono il 20 aprile. Oggi non sappiamo se si chiuderà prima, anche perché la UEFA e l’ECA chiedono di provare a chiudere le stagioni. I calciatori come sempre fatto, faranno la loro parte”, ha spiegato Tommasi.

Le squadre proveranno a tornare ad allenarsi nei rispettivi centri sportivi il prima possibile. Intanto, le società si preoccupano della questione del taglio degli ingaggi. Alcuni giocatori l’hanno accettata volentieri, ma bisognerà comunque tornare a parlarne. Anche i top manager dovrebbero essere interessati dalle riduzioni degli stipendi. I sacrifici non sono finiti.

To Top