Calcio

De Laurentiis attacca la UEFA

de laurentiis

Aurelio De Laurentiis non le manda a dire. Riprende il calcio giocato dopo il lockdown ha messo le società di fronte a numerose difficoltà impreviste e adesso persino spostarsi a Barcellona per giocare la Champions appare come un controsenso. Il presidente del Napoli ha parlato al quotidiano Il Mattino e non ha risparmiato qualche frecciatina nei confronti della UEFA. “Tra sette giorni si giocherà a quanto pare a Barcellona? Alla UEFA fanno il gioco delle tre scimmie. Mi auguro per il bene che voglio alla UEFA che non succeda nulla, perché sennò si scatenerà l’inferno. Mi dà fastidio la superficialità con cui si lascia al destino qualcosa di importante come la salute. Le rose valgono miliardi”.

“La UEFA si comporta come se fosse padrona di tutto. Se chiedo una risposta sulla situazione di Barcellona, loro sono evasivi. A marzo, prima dello stop la UEFA mi disse di prendere un aereo fino in Francia e da lì avrei poi dovuto proseguire in torpedone fino a Barcellona. Non avevano capito la gravità della situazione. Dopo due giorni chiusero tutto. Hanno organizzato le fasi finali in Portogallo e Germania, ma che ci vuole a spostare tutto lì? Ma con loro sbatti contro un muro, sono organizzati come quei collegi dell’Ottocento”, ha aggiunto.

Insomma, la situazione è tutt’altro che serena. Come se non bastasse, sono molteplici i dubbi sull’avvio del prossimo campionato di Serie A. A fine stagione ci saranno gli Europei, il calendario deve essere compresso e per metà settembre potrebbe essere impossibile cominciare. Il futuro del calcio è in bilico.

To Top