Calcio

Mancini e i dubbi per l’Olanda…

mancini

Roberto Mancini è pronto per l’Olanda. Nel secondo match di Nations League il ct dovrà varare un’Italia profondamente diversa da quella vista contro la Bosnia. La partita di questa sera sarà anche un’occasione di cambiamento per il gioco, che ha lasciato a desiderare venerdì scorso. Il mister si era detto sereno, ma si aspetta un passo avanti nella brillantezza e nella fluidità della manovra. Come se non bastasse, a causa del pari di pochi giorni fa, la vittoria si rende quasi obbligata.

Il mezzo stop contro Dzeko e compagni ha messo in allarme gli azzurri. Dopo la mezza gaffe dello staff tecnico dell’altra sera, si rivedrà Chiellini al fianco di Bonucci, mentre sulla corscia mancina ci sarà Spinazzola e a destra, probabilmente, D’Ambrosio avrà la meglio su Di Lorenzo. Dalle scelte a centrocampo dipenderà anche il margine di miglioramento del gioco italiano, visto che Sensi aveva ricevuto poca collaborazione da Pellegrini e Barella, che comunque è titolare fisso. Torna Jorginho, la sorpresa potrebbe essere Locatelli. Qualche perplessità anche su Zaniolo, dato che in attacco sembra verrà data una chance a Kean. Immobile ritrova la maglia da titolare per la solita alternanza con Belotti.

Ci sono alcuni problemi difensivi, invece, per l’Olanda che deve rinunciare a De Ligt e De Vrij, infortunati. Ecco quindi la conferma di Veltman con Van Dijk come contro la Polonia, chance per Dumfries a destra. Nel suo 4-3-3, Lodeweges pensa alla mediana Van de Beek-De Jong-Wijnaldum, mentre in attacco sembrano sicuri Promes e Depay, qualche dubbio sul centravanti con Luuk de Jong favorito.

To Top