Calcio

Conti in rosso per la Juventus

Juventus: "Netflix ha apprezzato la nostra storia"

I conti in rosso della Juventus ammontano a oltre 71 milioni di Euro. Non è certo un periodo d’oro per la “Vecchia Signora”, costretta a infilarsi le mani nelle tasche per capire quanto spendere nel prossimo futuro. Servono cessioni decisamente remunerative, poi si potrà tornare anche a pensare a qualche innesto per Andrea Pirlo in vista dell’inizio imminente della stagione. Il problema però non è tanto la volontà di cedere qualche pezzo pregiato, ma di trovare un acquirente che possa mettere nelle casse bianconere contante da girare a Fabio Paratici per acquistare qualche rinforzo.

Per la società si tratta del terzo bilancio consecutivo in perdita: 71,4 milioni per l’esercizio al 30 giugno, dopo il -19 del 2017-18 e il -40 del 2018-19. Un bilancio particolare perché contempla un risparmio di 90 milioni sugli stipendi in virtù di un accordo tra club e squadra per mitigare gli effetti della pandemia, che però dovranno essere ripagati nei prossimi mesi. In ogni caso, l’ingaggio di Luis Suarez non sembra essere messo in dubbio.

“Ecco perché ragionare solo su questo bilancio è fuorviante. Peraltro la Juventus, al pari di tutti gli altri club italiani ed europei, teme che l’esercizio 2020-21 possa essere ancor più devastante. (…) E sono schizzati gli ammortamenti: + 26 milioni, svalutazioni comprese. Svalutazioni che contemplano l’addio di Matuidi ma non quello di Higuain, ancora non ufficializzato. Tecnicamente c’è ancora tempo. Non è affatto escluso che gli amministratori decidano di caricare nel 2019-20 i 18 milioni di costo residuo di Higuain, con conseguente incremento del deficit a circa 90 milioni”, si legge su La Gazzetta dello Sport.

To Top