Calcio

De Laurentiis “ammaccato” per Milik

de laurentiis

Aurelio De Laurentiis è stato costretto a cedere. Arkadiusz Milik ha lasciato Napoli per accasarsi alla Roma, ma gli azzurri incasseranno meno di quanto previsto. Il giornalista Mario Sconcerti ha parlato su calciomercato.com della trattativa, sottolineando le mancanze dei partenopei. “La Roma è stata formidabile a scambiare Dzeko con Milik. Non c’era in Italia un attaccante più adatto e pochissimi erano quelli possibili in Europa. Non parlo ancora di qualità, parlo della trattativa. Prendere Milik a poco più di venti milioni e pagarlo con lentezza era impensabile anche in tempo di Covid. E’ stata probabilmente decisiva la presenza a Roma della nuova presidenza, ma è una delle poche volte in cui vedo De Laurentis uscire ammaccato da una trattativa”.

“Dzeko è stato e resta un grande giocatore, con numeri eccezionali, 172 presenze in 5 campionati vuol dire aver giocato più di 34 gare a stagione, cioè tutte. Con la Roma chiude con 78 gol, una media di 0.46, decisamente alta. Milik in Italia è a 103 presenze e 38 reti, media da 0,36 a partita. Media già buona, ottima ricordando le due lesioni al crociato, una nel ’16 e una l’anno dopo. Dzeko farà benissimo alla Juve come ha fatto bene dovunque. Milik, come Dzeko, sa fare tutto, in area e fuori. Punizioni comprese. Credo che alla Roma segnerà più di 20 gol”, ha aggiunto Sconcerti.

Si tratta della seconda cessione illustre per il Napoli, dopo quella di Allan. Adesso tocca a Kalidou Koulibaly, ma le offerte pervenute finora per il difensore senegalese sono ritenute troppo basse. Il Manchester City non va oltre i 70 milioni, mentre il Paris Saint-Germain chiede un prestito oneroso con diritto di riscatto.

To Top