Calcio

Mancini: “Peccato per El Shaarawy”

mancini

Roberto Mancini è soddisfatto della prova delle seconde linee dell’Italia contro la Moldavia. “Ho visto cose interessanti. I ragazzi hanno avuto qualche problema solo nei primi 15 minuti, poi hanno fatto molto bene. La mentalità è giusta anche cambiando i giocatori e questa è una nota positiva. Caputo Si è mosso bene stasera. Se potrà insidiare certe gerarchie in attacco dipenderà da lui. Se continua così non è detto che non possa cambiare qualcosa portando tre attaccanti e sacrificando altro. E’ diverso da Immobile, forse non tanto da Belotti che svaria di più. Ciccio gioca negli spazi stretti. Assomiglia a giocatori come Inzaghi e Paolo Rossi, anche se non voglio fare paragoni, è bravo ad attaccare gli spazi e a far goal. Siamo ancora lontani, spero continui così”.

Bene anche Berardi. “Ha disputato un’ottima partita, ha toccato tanti palloni”. Fiducia incondizionata ad El Shaarawy. “Ha qualità. E’ un peccato che non sia tornato a giocare in Italia perché gli sarebbe servito. Anche Cristante ha fatto bene. Chiesa? L’ho sempre visto tranquillo, ha avuto la fortuna di crescere qui, in un grande club e in una grande squadra. Credo che debba essere riconoscente alla Fiorentina per questo. Era importante prima e lo sarà anche dopo. Ha dei margini di miglioramento enormi”.

Nella conferenza post-partita si è parlato anche di Coronavirus. “Serve ottimismo da parte di tutti”. Adesso l’Italia è attesa dagli impegni di Nations League contro la Polonia e l’Olanda, già battuta nella gara di andata per 1-0. Gli azzurri sono primi nel raggruppamento della competizione e possono puntare seriamente alle “Final Four”.

To Top