Calcio

Gravina e il caso di Lazio-Torino

gravina

A margine di un evento allo Spallanzani, il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha parlato questa mattina della gara tra Lazio e Torino che non verrà rinviata dalla Lega, ma alla fine non verrà neanche disputata. La ASL di Torino ha deciso infatti che non farà partire i granata per la capitale. “Da questa situazione usciremo soltanto attenendoci al protocollo che è un gentleman agreement fissato e molto chiaro che regolamenta il rapporto legato alla competizione sportiva”.

“Poi c’è anche un altro principio, quello della tutela della salute che è nella competenza delle singole ASL. Non do consigli alla Lega, che ha la capacità e la delega per gestire la competizione sportiva”. In sostanza, la Lazio si presenterà comunque all’Olimpico per prendersi almeno per il momento la vittoria per 3-0 a tavolino.

“Prenderanno la decisione più giusta. Credo che oggi ci sia una oggettiva impossibilità a disputare la gara in base a quanto prescritto dalla ASL. La Lega dovrà fare una riflessione molto approfondita pensando al calendario, visto che è particolarmente intasato”, ha aggiunto Gravina. La situazione ricorda molto il precedente di Juventus-Napoli, che si sarebbe dovuta disputare lo scorso 4 ottobre. I bianconeri avevano ottenuto i 3 punti in classifica e gli azzurri avevano subito addirittura una penalizzazione. A dicembre, però, è stato annullato tutto e ancora oggi le due squadre sono in attesa di rigiocare la partita. Evidentemente, anche il Torino farà ricorso nella speranza di rigiocare la gara. Insomma, il campionato del Coronavirus deve passare per forza anche attraverso i tribunali.

To Top