Calcio

Pioli: “Ibra presenza fondamentale”

Pioli: "la Fiorentina non può essere soddisfatta"

Stefano Pioli è pronto a battere il Benevento per continuare a sognare la Champions con il Milan. “Tutti qui pensiamo di avere le qualità per giocare la prossima Champions League. Lo scontro diretto con la Juve? Non possiamo fare calcoli o pensare ai diffidati, concentriamoci solo sul Benevento. È giusto discutere su di noi, perché stiamo facendo un girone di ritorno meno positivo di quello dell’andata. Sicuramente è necessario essere più compatti, più determinati. Stiamo subendo qualche gol di troppo e concretizziamo meno di quello che potremmo. Dovremmo essere più concentrati e cattivi, questo è sicuramente un obiettivo. Specialmente per la partita col Benevento”, ha detto il mister in conferenza.

“Le caratteristiche determinanti per essere squadra sono tre: qualità del gioco, spirito di gruppo e cuore. Utilizzandoli abbiamo dimostrato di potercela giocare con tutte, venendo un po’ meno a tutti questi aspetti diventa difficile. Dobbiamo alzare la qualità, avere un grandissimo spirito di sacrificio e di collaborazione. Credo che questa squadra abbia sempre avuto gli atteggiamenti giusti, sia sempre stata disponibile e desiderosa di migliorare. È attraverso queste difficoltà che un gruppo giovane come il nostro può dimostrare di avere lo spirito per reagire e tornare a vincere. Sicuramente ho visto una squadra concentrata, dobbiamo dimostrarlo anche sul campo”, ha aggiunto.

“Ibrahimovic? Il supporto del club e dell’area tecnica non è mai venuto meno. Parliamo di persone che sanno cosa sia il calcio e cosa significhi una stagione così lunga, che può passare anche da momenti delicati. Il loro supporto ci aiuta ad andare avanti. La presenza di Ibra è fondamentale dal punto di vista tecnico e caratteriale. Siamo contenti che sia a disposizione e pronto come sempre. Io ho sempre avuto il sostegno della proprietà, però alleno un grande club, che ha grande aspettative. L’obiettivo è portare risultati all’altezza. Ora sono concentrato solo sulle prossime cinque partite, poi i conti li faremo alla fine. Per ora ogni valutazione è parziale, io comunque sono convinto della bontà del mio lavoro e so che l’appoggio della società è totale. Quindi vado avanti per la mia strada”.

To Top