Calcio

Gravina pronto a escludere la Juve

gravina

Gabriela Gravina è chiaro: la Juventus potrebbe non partecipare alla prossima edizione della Serie A. Niente eccezioni, niente modifiche al regolamento dell’ultimo secondo. Il presidente della Federcalcio ne ha parlato a Radio Anch’io Sport, dimostrandosi perentorio. “Spero di poter fare da mediatore, questo braccio di ferro tra i tre club e la UEFA non fa bene al calcio italiano e alla Juve. Sanzioni? No, la Federcalcio ha già detto che applica le regole che prevedono la non partecipazione al campionato se non si accettano i principi imposti dalla UEFA.

Pensare che la soluzione a questo momento di difficoltà del calcio è solo aumentare i ricavi è un grande errore. Noi dobbiamo mettere sotto controllo i costi consentendo il rispetto della legge 91. Mi sono permesso di dire per la stagione 2021-22 di non superare la soglia dei costi del 2020-21 e poi ipotizzare un abbattimento dei costi dal 10 al 20% all’anno per il 2022-23″, ha aggiunto Gravina.

“Il nuovo format della Coppa Italia? Su questa decisione pesa un errore strategico di metodo di lavoro che contraddistingue il mondo del calcio, la scarsità di dialogo. Le componenti devono parlarsi di più e partecipare di più a quelli che sono i processi per una progettualità innovativa. Bisogna parlarsi di più e su questo la FIGC si adopererà. Escludo che ci possa essere un collegamento con la Superlega. Tifosi allo stadio? Auspico che si possa pensare al prossimo campionato come quello del ritorno alla normalità. Ne ha bisogno il mondo dello sport e il Paese”, ha detto il presidente in conclusione.

To Top