Calcio

Mancini e l’esclusione di Chiellini…

mancini

Fine dell’imbattibilità per Roberto Mancini. Dopo 37 risultati utili di fila, l’Italia è incappata in una sconfitta. L’ultima era datata 2018, sempre in Nations League. Stavolta, però, il k.o. è costato l’eliminazione nella semifinale del torneo. “Le partite sono così, a volte certi episodi le condizionano, il primo tempo poteva finire 1-1. Così è un dispiacere, abbiamo fatto un errore che non si deve fare a questi livelli. Il rosso di Bonucci? Devo rivederlo, ma Leo doveva fare attenzione sulla prima ammonizione: non doveva protestare. Questa partita nonostante la sconfitta ci dà grande forza”, ha dichiarato a caldo il ct ai microfoni della Rai.

In conferenza il “Mancio” si è pronunciato anche sui fischi a Donnarumma: “Mi dispiace tantissimo. Giocava l’Italia, non era una partita di club. Si potevano mettere da parte per una sera e tenerli per un’eventuale Milan-Paris Saint-Germain. L’Italia è l’Italia, è sopra tutto”. Sui cambi, invece: “Avevamo bisogno di giocatori un po’ più freschi. Nel momento in cui abbiamo fatto i cambi la freschezza ci ha aiutato. Anche noi avremmo potuto giocare con qualche giovane in più, ma poi ci sono situazioni che vanno rispettate. È stata una bella prestazione, bravi ragazzi”.

A incuriosire è stata soprattutto l’esclusione di Chiellini dall’11 titolare. Il capitano azzurro è subentrato solo nel secondo tempo, quando l’Italia era già in 10, facendo sentire comunque il suo peso. Il mister si è giustificato al riguardo con poche parole: A Giorgio non avremmo fatto giocare due partite di seguito e Bastoni ha bisogno di giocare queste partite”. L’impiego di Chiellini nella finalina di domenica, però, rimane in dubbio.

To Top