Calcio

Mancini tra Belgio e Pallone d’oro…

mancini

Roberto Mancini vuole chiudere questa Nations League almeno con la medaglia di bronzo. “Sarà importante dare opportunità a nuovi giocatori, provare qualcosa di nuovo e anche per il ranking”. Il mister si è pronunciato in conferenza anche sulla possibile assegnazione del Pallone d’oro a uno degli azzurri. Lo merita Jorginho, ha vinto di tutto e se lo merita. I cinque italiani candidati sono lì perché bravi, non per merito mio”, ci ha tenuto a precisare il tecnico.

“Abbiamo intrapreso una bellissima strada e dobbiamo continuare su questa strada. Abbiamo ragazzi giovani che possono giocare insieme ancora per 5-6 anni. Sono stato molto orgoglioso l’altra sera di quanto hanno fatto, sia nel primo tempo sia nella ripresa: giocare con la Spagna in 10 è la cosa peggiore, ma siamo riusciti a essere compatti e a fare gol. C’era il rischio di perdere 4 o 5-0 e invece sono stati molto bravi”, ha aggiuno il mister. Il Belgio sarà privo di Lukaku, ma non è da sottovalutare. “Noi dobbiamo guardare innanzitutto alle condizioni fisiche di diversi giocatori. Sicuramente qualcosa cambieremo, il Belgio è primo nel ranking e quindi non avrà problemi per il sorteggio al Mondiale, mentre noi dobbiamo vincere.

Il ruolo del “falso nueve” potrebbe essere rivestito questa volta dal giovane Raspadori: “Sicuramente avrà la possibilità di giocare, ma dobbiamo pensare anche che è un ragazzo giovane, lui avrà un grande futuro ma non possiamo dare a lui tutte le responsabilità. Jorginho? Valutiamo come sta domani, le decisioni le prenderemo all’ultimo vedendo le condizioni di tutti”.

To Top