Calcio

Pioli fa 100 e pensa a Ibra-Giroud

Pioli: "la Fiorentina non può essere soddisfatta"

Il Milan di Stefano Pioli non ha molto tempo per rimuginare. Dopo gli impegni in Champions e in vista del turno infrasettimanale di campionato, c’è il Bologna. “Sono tre anni che io e Mihajlovic ci affrontiamo, vuole dire che c’è una buona programmazione nei due club. Il calcio è fatto di step, di cambiamenti, di momenti. Ci aspetta un avversario molto concentrato e pieno di qualità. Dopo il Porto abbiamo vissuto 48 ore abituali, abbiamo analizzato la partita. Ora siamo concentrati sul campionato, abbiamo tre partite fondamentali”, ha spiegato il mister rossonero in conferenza stampa.

Ibra ha bisogno di giocare e allenarsi. E’ una settimana giusta che si allena con noi. Il minutaggio sarà in crescendo, devo ancora decidere chi partirà tra lui e Giroud. Non è un momento difficile, in una stagione lunga e fitta di impegna come la nostra è normale avere periodi così. Ho una rosa competitiva e siamo pronti per il Bologna. Rispetto al Porto sono recuperati Conti e Castillejo. Kessie non c’è, ha una forte l’influenza. Non sapevo delle mie 100 panchine col Milan. È normale che sia bello essere qui, mi sento bene con tutti e sto bene con tutti. Dobbiamo pensare al presente; si parla tanto del futuro, tanto del campionato, tanto della Champions: dobbiamo pensare a far bene la prossima. La stagione è ancora molto lunga e noi dobbiamo avere nella continuità il nostro punto di forza”, ha aggiunto.

“Siamo consapevoli che col Porto abbiamo fatto una brutta partita. Abbiamo perso troppi palloni e siamo stati poco compatti in difesa. Abbiamo capito i nostri errori, dobbiamo cercare di non ripeterli contro un avversario che ci metterà in difficoltà. Scansarsi in Champions? Sempre meglio partire per un viaggio impossibile che non partire nemmeno. Daremo il massimo in tutte le competizioni da qui alla fine”. Sulle condizioni dei singoli: “Rebic ha provato ma ha ancora dolore alla caviglia. Castillejo l’ho visto bene in settimana, come gli altri. Può giocare. Tomori sta bene. La condizione attuale di Ibra e Giroud non ci permette di giocare con le due punte, quando staranno bene potranno giocare insieme.

To Top