Calcio

Allegri: “Scudetto? Inter favorita”

Allegri

Tra risultati risicati e gioco a poco a poco sempre più convincente, Massimiliano Allegri sta riuscendo a risollevare la Juventus dopo la falsa partenza in campionato. Adesso, però, c’è il derby d’Italia con l’Inter. “Sarà una bellissima serata soprattutto perché ci saranno attorno ai 60.000 spettatori, tante aspettative da parte di tutti. Una bella partita fra due squadre importanti, l’Inter secondo me è ancora la favorita per vincere lo scudetto. Sarà un test importante contro una squadra forte. Secondo me non è decisiva, ma ci permetterebbe di allungare questa striscia di risultati. Per la nostra classifica era molto più decisiva quella con la Roma. Non possiamo pensare che in una partita possiamo tornare a vincere o perdere il campionato”, ha dichiarato il tecnico in conferenza.

Dybala sarà a disposizione. Sta bene. Ha fatto due allenamenti con la squadra. Siamo quasi al completo per quello che riguarda la rosa. E’ importante perché abbiamo tante gara da qui alla sosta e abbiamo bisogno di tutti. Come mercoledì in Russia. Chi è entrato è stato decisivo. Giochiamo ogni tre giorni e con i cinque cambi le partite cambiano molto. Chi è in panchina deve vivere la gara come se giocasse ed entrare con la testa giusta. Ora conosco tutti meglio i giocatori. Queste sono sfide stimolanti, belle da vivere. Sono gare che si preparano da sole rispetto ad altre in cui ci può essere un abbassamento di tensione”, ha aggiunto il mister.

“Per quanto riguarda la formazione non ho ancora deciso. Chiesa l’altro giorno ha fatto una buona gara e ha concluso diverse volte in porta. Chiellini, Bonucci, De Ligt e Rugani sono pronti, ma giocheranno solo due di loro. Poi quando De Ligt sarà pronto a giocare sul centro-destra, potremo pensare alla difesa a tre. Abbiamo ancora tante partite importanti e c’è spazio per tutti. Vista la classifica l’Inter non può ammazzarci. Non è una partita decisiva, è una bella serata per noi da vivere. Poi quando arriviamo alla sosta di novembre vediamo quanto abbiamo rosicchiato e valutiamo il prossimo step. Le stagioni si decidono negli ultimi tre mesi, ma bisogna essere lì. Io vicino all’Inter? In due anni è passata un sacco di acqua sotto i ponti. Mi hanno accostato a tanti club, ma ho scelto la Juve e sono molto contento.

To Top