Calcio

Pioli celebra Messias, il Milan è vivo

Pioli: "la Fiorentina non può essere soddisfatta"

Se il Milan di Pioli ha ancora una possibilità di qualificarsi agli ottavi di Champions lo deve al gol vittoria di Messias contro l’Atletico Madrid. “I ragazzi hanno fatto una prestazione importante, hanno dimostrato personalità e coraggio. È stata una partita difficile, ma vinta meritatamente per intensità, qualità e mentalità che abbiamo messo in campo, è stato giusto festeggiare insieme a loro alla fine. Quella di Messias è una storia bellissima, ma credo che sia solo all’inizio. È un giocatore con tante qualità, ha avuto qualche difficoltà all’inizio, ma questo gol gli darà fiducia e lui ci potrà dare una grande mano”.

Il tecnico si è espresso anche sulle condizioni di Giroud. “Purtroppo si è fatto male, aveva un dolore al flessore, saranno gli accertamenti a dire quanto è grave l’infortunio. È l’unica nota stonata della serata, stava meglio dopo tante difficoltà e non ci voleva proprio. Leao? Era rimasto contratto, non era il caso di rischiare e spero recuperi per domenica, Ibra invece sta bene.

Ora è obbligatorio battere il Liverpool: “Le difficoltà del girone erano evidenti, ma speravo di arrivare all’ultima gara con quattro punti in più. Ci è mancato qualcosa per qualche situazione sfavorevole, ma in questo momento quello che per me conta è la prestazione della squadra, contro un avversario molto forte su un campo molto complicato. Il rinnovo? La firma non c’è ancora, ma col club siamo in piena sintonia. C’è stima e fiducia reciproca, c’è empatia con tutto l’ambiente e deve continuare così. A fare la differenza poi saranno il lavoro e soprattutto i risultati, se ci saranno quelli la firma arriverà”.

To Top