Di Francesco al capolinea

Di Francesco al capolinea

Di Francesco al capolinea

7 marzo 2019

Eusebio Di Francesco ha conosciuto l’ennesima delusione. La Roma è uscita dalla Champions League perdendo in casa del Porto ai tempi supplementari degli ottavi di finale. I giallorossi hanno perso così l’ultima disperata occasione di portare a casa un risultato stagionale degno di nota. Considerando la prematura eliminazione dalla Coppa Italia, ai capitolini non resta che riagganciare il quarto posto in campionato per tornare proprio in Champions. Al termine della gara con i portoghesi, Di Francesco non è apparso molto tranquillo. Anzi, a dirla tutta non è apparso proprio, dato che ha deciso di sua iniziativa di non prendere la parola nemmeno in conferenza stampa. Le regole UEFA sono chiare in merito: il tecnico dovrà pagare una sanzione.

Di riflesso, nessun dirigente della Roma ha commentato il match con i media o le televisioni. Prima della partita era stato Totti a dire la sua, difendendo a spada tratta Di Francesco. La Roma avrebbe da recriminare per un rigore non concesso per fallo su Schick nei minuti finali, ma comunque non basta. Il futuro sembra essere già delineato. La società e Di Francesco vogliono optare per un accordo di buon senso e consensuale per risolvere il rapporto lavorativo. Ormai la stagione della Roma ha ben poco da dire e bisogna cominciare a pensare al futuro.

Florenzi è chiaramente tra gli elementi che escono più malconci dall’Estádio do Dragão. Il vice-capitano giallorosso ha sulla coscienza il rigore procurato a favore dei padroni di casa al 116′. De Rossi, invece, ignora onestamente se potrà collezionare altre presenze in Champions. Tutto dipenderà anche dal prossimo allenatore della Roma, che vorrà legittimamente ridisegnare la rosa conferendole un’identità più solida e continua. I ricordi della semifinale con il Liverpool sono già lontani. Il 2019 sarà l’anno di una nuova Roma.