Di Francesco e la 10 a Zaniolo

Di Francesco e la 10 a Zaniolo

Di Francesco e la 10 a Zaniolo

17 febbraio 2019

Nicolò Zaniolo è l’argomento del momento. Di Francesco ha dovuto eleggerlo titolare della Roma quasi per necessità, in seguito alle diverse defezioni che ha colpito la rosa giallorossa. Il ragazzo, che già vantava una convocazione in nazionale pur non avendo mai giocato in Serie A, è apparso pronto. L’esordio in Champions contro il Real Madrid non risultò esaltante, ma nelle presenze successive il centrocampista classe ’99 è cresciuto parecchio. Il tecnico l’ha addirittura adattato da ala con successo, considerando le reti arrivate contro Sassuolo, Torino, Milan e Porto.

Una manna dal cielo per la Roma, se si pensa che Zaniolo è arrivato con la trattativa che ha portato Nainggolan a Milano tra migliaia di voci contrarie. Invece, i giallorossi sembrano averci addirittura guadagnato da quell’operazione. L’esaltazione di un nuovo giocatore, però, si presta facilmente agli eccessi più banali, tanto che Zaniolo sarebbe già stato etichettato come futuro capitano della Roma. A due anni di distanza dal ritiro di Totti, c’è chi vorrebbe affibbiargli persino la maglia numero 10. “L’appello che faccio a tutti è di fargli vivere in maniera serena questo momento. Ha 19 anni e non bisogna addossargli troppe responsabilità e pressioni come per esempio quelle legata alla maglia numero 10. In questo momento gli sta benissimo la numero 22″, ha voluto precisare Di Francesco in conferenza stampa.

Probabilmente Zaniolo figurerà tra i prossimi convocati di Mancini per le prime gare di qualificazione dell’Italia ad Euro 2020. In azzurro il ragazzo potrebbe coprire proprio il tassello lasciato scoperto da De Rossi, le cui possibilità di un ritorno in Nazionale sembrano affievolite. In barba al chiacchiericcio da gossip e ad un passato fanciullesco da tifoso juventino, Zaniolo si appresta a diventare la nuova speranza del calcio italiano.